Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2016

Miniracconti. Diario di una colazione

Era abile nel raccogliere qualsiasi cosa, ma perse improvvisamente il controllo. Rimase con un pugno di mosche in mano. 
Diario di una #colazione



Miniracconti. Diario di una colazione

Un giorno, un bel paio di scarpe si mise in cammino per incontrare i piedi che meritavano di indossarle. Più passavano gli anni e più le scarpe si usuravano, ma dei piedi perfetti nemmeno l'ombra. Dopo qualche tempo, un paio di pantofole si avvicinò dandogli il benvenuto nel deposito della bellezza. 
Diario di una ‪#‎colazione‬


Messaggio d'amore: un bacio nel vento.

Di giorno abbiamo una vita, di notte un'altra. 

Di notte, abbiamo la vita onirica, quella vita dove è possibile vedere e fare di tutto, quella vita dove si può essere attori e spettatori di se stessi.
In una delle tante notti, nei miei sogni è accaduto qualcosa di inspiegabile: ho visto una piuma bianca passare sopra ai miei occhi. Volava nella mia stanza.
Poi, un vento forte e impetuoso ha fatto aprire le finestre e, come d'incanto, sono finita in un giardino pieno di rose rosse e margherite.
Da lontano vedevo la piuma che continuava a volare. Provavo a seguirla, ma andava troppo veloce; così, ho provato a riaddormentarmi nello stesso sogno, fino a quando al risveglio non ho sentito qualcosa solleticare le mie labbra.

Era quella piuma, era il tuo bacio nel vento.

Audio San Valentino. Un bacio nel vento.

Cari lettori,

ecco a voi "Un bacio nel vento" un dolce audio messaggio da dedicare alla persona che amate o sperate di amare.

Condividete questo  messaggio  d'amore con chi desiderate inserendo  #innamoraticonlavoce
La base musicale é di www.bensound.com


Il Carnevale di una Vajassa

Era più o meno la fine del XVII secolo quando, nell'anno in cui il mio corpo si fece burroso e il mio profilo si distingueva da quello dei frutti maturi, a Napoli si organizzò una grande festa per il giorno di Carnevale; per la prima volta, i festeggiamenti della nobiltà si aprirono al popolo tra carri enormi e leccornie da distribuire agli affamati. Il Barone Quagliamattonella fece costruire un enorme carro-cuccagna destinato a sfilare nelle adiacenze di via Toledo. Era l'ora in cui il Sole batteva forte sulle case mentre io mi nascondevo sotto alle lenzuola in cerca di ristoro e riposo; purtroppo, il mio sonno fu disturbato da quello che nel gergo popolare si definiva 'o scetavajasse. Avevo lavorato tutta la notte e volevo solo dormire, ma quello strumento musicale mi fece velocemente salutare il buon Morfeo. Aprii la piccola finestrella di legno della mia umile dimora e, con i seni in bella mostra, urlai a gran voce di fare meno baccano. Nessuno mi diede retta, ma …