Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2014

Countdown insolito a Napoli. Metti una sera a Capodanno

Era una giornata uggiosa il trecentosessantacinquesimo giorno dell'anno quando feci quel singolare incontro. 
L'orologio da taschino segnava le nove. 
Non c'è nessun motivo per nascondere ai lettori che ero in cerca di tranquillità e di pace. Tante erano le cose che avevo scritto e la gente mi amava. 
La fine dell'anno ineluttabilmente era giunta ed io, come di consueto, avrei recitato poesie a tema durante il cenone di capodanno con la mia famiglia. 
Può essere difficile da credere ma, mentre scrivevo le parole che il mare della mia bella Napoli mi dettava, vidi una donna vestita con una giacca viola e una gonna gialla. Saliva e discendeva la strada al passo del gattino che le camminava al fianco. Poco dopo, si avvicinò a me. Dal modo in cui mi guardava sembrava mi conoscesse. Certo, non sarebbe stata una novità vista la mia popolarità. Avevo poca voglia di improvvisare sorrisi che tutelassero l'immagine pubblica che avevo costruito con tanto impegno nel corso degli…

Un manoscritto tra Latte, Faggetti e Sfogliatelle. A Natale ( non) tutti sono più buoni

L'amore è qualcosa di straordinario. Oh si. È quella voglia di starsene senza far nulla, di rimandare ogni impegno per trascorrere giornate intere a contemplare la perfezione dell'oggetto dei desideri. Perfezione? Macché! Credo che a quei tempi, delle enormi fette di prosciutto mi siano finite sugli occhi al posto della maschera antirughe a base di uva. É per questo che voglio raccontare la mia esperienza sia alle donne e sia agli uomini, a prescindere dagli orientamenti sessuali.  Lo faccio perché Natale non è Natale se non si compiono buone azioni. Ebbene, circa vent'an   ni fa, quando ancora vedevo gli asini volare nel cielo, presi una decisione: lasciai Napoli per trasferirmi a Londra. 
Avevo bisogno di fare un'esperienza all'estero e partii con l'intenzione di accettare qualsiasi lavoro senza rinunciare al mio progetto di vita: scrivere un romanzo e pubblicarlo.  Lungi dal tediarvi con la descrizione dell'iter di emigrata in cerca di fortuna, va do dirett…

Un manoscritto tra Latte, Faggetti e Sfogliatelle. A Natale ( non) tutti sono più buoni

L'amore è qualcosa di straordinario. Oh si. È quella voglia di starsene senza far nulla, di rimandare ogni impegno per trascorrere giornate intere a contemplare la perfezione dell'oggetto dei desideri. Perfezione? Macché! Credo che a quei tempi, delle enormi fette di prosciutto mi siano finite sugli occhi al posto della maschera antirughe a base di uva. É per questo che voglio raccontare la mia esperienza sia alle donne e sia agli uomini, a prescindere dagli orientamenti sessuali.  Lo faccio perché Natale non è Natale se non si compiono buone azioni. Ebbene, circa vent'an   ni fa, quando ancora vedevo gli asini volare nel cielo, presi una decisione: lasciai Napoli per trasferirmi a Londra. 
Avevo bisogno di fare un'esperienza all'estero e partii con l'intenzione di accettare qualsiasi lavoro senza rinunciare al mio progetto di vita: scrivere un romanzo e pubblicarlo.  Lungi dal tediarvi con la descrizione dell'iter di emigrata in cerca di fortuna, va do dirett…

Foto Album. A Natale (non) tutti sono più buoni

Era il 23 dicembre e la Zuppa Campbells regnava sovrana nella credenza della cucina di ogni casalinga del mondo occidentale. Il matrimonio di Sarita, la mia amica indiana, fu qualcosa a metà strada tra una fiaba e una valle onirica. I colori sgargianti degli abiti che indossavano gli invitati ben si sposavano con il ritratto che Andy Warhol in persona aveva realizzato per me. Ogni anno, a due giorni dal Natale, prima di andare a fare quello che dovevo fare, era mia abitudine sfogliare un album di foto. Dovete sapere che tornavo a Napoli sempre il giorno della pre-vigilia. Qualunque fosse stato l'albergo dove avrei alloggiato dall'estate fino all'autunno, portavo con me un foto album. Quando la sveglia annunciava che il giorno della partenza era arrivato, aprivo il cassetto e, come ultima cosa, in valigia mettevo il foto album. Penserete, ed anche in giusta ragione, che lo tenevo con me per ricordare i volti dei miei cari. Così non era. Pur non avendo collegamenti co…