Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

Il semaforo. A Natale (non) sono tutti più buoni

La strada davanti a me è larga e libera. Circondata da alberi e mare. Cammino e non sono capace di dare una stima dei chilometri che ho percorso. Sono giorni che vago per queste vie che continuo a non conoscere. Tutte le volte che attraverso allo scattare del semaforo mi sembra di vedere per la prima volta davanti a me quello strano edificio. È giallo e le finestre sono viola. La gente che ci abita sembra non essere di questo mondo. È strana. La mattina, quando attraverso, le finestre si fanno sipario teatrale della vita di quella gente. Si sveglia, guarda il cielo, fa colazione, ride o grida. Il pomeriggio le finestre sono semiaperte. Intravedo bacini e mani che si toccano. Credo sia una danza. Poi qualcuno getta qualcosa via dalla finestra. Forse una carta appallottolata, a nessuno è dato di sapere quali segreti nasconde. La sera, le finestre sono chiuse mentre le luci restano accese. Vedo le ombre, vedo i movimenti. C’è chi legge, c’è chi salta, c’è chi come me si affaccia alla f…

Il vagone del destino. Storia di un viaggio mentale

Il vagone del destino è un racconto di fantasia che ho scritto ispirandomi alla lunga ed estenuante attesa del treno da parte di molti pendolari. La protagonista è una donna, che, senza rendersene conto, inizia un viaggio mentale non appena il treno parte. Dove la porterà l'immaginazione?
Vi auguro una piacevole lettura e aspetto un vostro commento!
La fata uncina.




La pazienza, più che una virtù, è un talento che si coltiva attraverso le pratiche di vita quotidiana. Fiumane arginate di carrelli pilotati da individui che si trasformano in soldati per difendere il delicato equilibrio della fila alla cassa di un supermercato; oppure, la gestione dello stress che si accumula negli uffici postali. Si badi bene, non il mio, bensì quello delle persone che mi stanno avanti e indietro, quello di chi è persino riuscito a conquistare un posto a sedere e anche quello degli impiegati che, pur dovendo lavorare per qualche mese o poco meno, portano sul volto l'evoluzione di uno stato d'…